Esercizio mindfulness breve per sopravvivere all’onda anomala…

esercizio di mindfulness
Informa gli altri

Esercizio di mindfulness breve per sopravvivere all’onda anomala…

A volte ti arriva un’onda anomala. Eventi con un alto carico emotivo negativo che al livello neurobiologico attivano le reazioni “attacco-fuga-congelamento”, come un litigio con la tua figlia, un malinteso con il tuo partner, una delusione da un’amica, un attacco dal collega, una minaccia dal capo ecc. un incontro improvviso. Anche sulla spiaggia più bella può arrivare un’onda anomala. L’arrivo di quell’onda, inevitabilmente, ti agita, e tu rischi di distrarti, di togliere la tua attenzione dal “qui e ora”, di vedere allontanare il tuo focus da ciò che devi o vuoi fare veramente. Con un breve esercizio di mindfulness puoi sopravvivere all’onda anomala e tornare a fare ciò che volevi fare davvero.

Quando capita un evento spiacevole che ti distoglie da ciò che vorresti veramente fare, (anche quelli piacevoli distolgono la tua attenzione ma rilasciando la dopamine ti attivano positivamente da sé), puoi usare FARO, un breve esercizio mindfulness che ti permette di rimettere il focus su ciò che è importante, di essere lucidi, e di ritrovare l’umore giusto per proseguire. Ho dedicato un precedente articolo sull’utilità della mindfulness per la work-life balance . Con questo esercizio puoi provare subito cosa significa nella vita quotidiana.

FARO: un breve esercizio di mindfulness

F              Fermati un attimo. Interrompi ciò che stai facendo, metti via la penna, il foglio, le dita dal pc o dal cellulare, la pentola, bucato o altro e ferma un attimo i tuoi pensieri. Prenditi una pausa.

A             Aria. Respira normalmente, senza modificare niente, ma concentrati per un minuto sull’aria che entra nel tuo naso quando inspiri e sull’aria che esce e che sfiora il tuo labro superiore quando espiri.

R             Registra e osserva. Prendi un minuto per registrare e osservare tutto quello che c’è nel tuo corpo, nella tua mente e nel tuo cuore. Quali sensazioni fisiche ci sono? Che tipo di pensieri ti passano per la testa? Sono giudizi, progetti, desideri, attacchi, difese,….? Quali emozioni noti in questo momento?

O             Obiettivo. Metti in chiaro qual è la prossima cosa che vuoi fare, metti il focus sulla prossima azione.

Segui il tuo ritmo, ma questo esercizio mindfulness in genere lo puoi concludere entro i 3 minuti.

Infine, procedi facendo quello che ti sei proposto di fare.

 

P.s. Più alleni la tua mente con gli esercizi mindfulness, più ne trarrai dei benefici.


Informa gli altri

4 Comments

  • hai ragione ogni tanto bisognerebbe fermarsi quando ci capita qualcosa di anomalo seguendo gli step da te descritti…grazie l’ho letto con piacere

    • Kristel Campaert scrive:

      Grazie per aver dedicato del tempo alla lettura! Spero che ti potrà essere utile in qualche momento.
      p.s. Scusami tanto se ti rispondo solo ora- avevo un problema tecnico..

  • Benedetta Novigno scrive:

    Provato anche io!
    Ciao Kristel. .
    Difficoltà a focalizzare la mossa prossima nel futuro.

    • Kristel Campaert scrive:

      Ciao Benedetta! non ho capito il tuo messaggio: vorresti una articolo sulla difficoltà a focalizzare la mossa prossima? Fammi sapere, grazie!!

Leave a Reply

Ti è piaciuto questo articolo? 

iscriviti alla mailing list

* necessario