Strategie SOC per gestire una giornata di stanchezza al lavoro

stanchezza al lavoro
Informa gli altri

Strategie SOC per gestire una giornata di stanchezza al lavoro

Ti capita mai di essere terrorizzato/a perché devi gestire una giornata di stanchezza al lavoro? Se sì, è probabile che tu sappia già che la stanchezza (che capita a tutti) è una vera minaccia per come andrà la tua giornata. Per sentirti felice sul lavoro, ovviamente anche per lavorare bene, ma anche per sentirti soddisfatto/a dal proprio equilibrio casa-lavoro, secondo la ricerca scientifica più recente conta soprattutto essere “engaged” sul lavoro (De Bakker & Demerouti, 2011). Grossolanamente si può tradurre con “essere coinvolto sul lavoro. Questo coinvolgimento si caratterizza per uno stato emotivo: ti senti entusiasta, vivace, senti la passione e trovi piacere nel fare ciò che stai facendo, e si traduce in comportamenti: cerchi di dare il meglio di te e perdi la cognizione del tempo. In gergo si parla di vigore, dedizione e assorbimento (Schaufeli et al., 2002). Ovviamente, la stanchezza al lavoro è difficilmente compatibile con tutto questo.

Come prevenire la stanchezza al lavoro

Le evidenze scientifiche dicono che per stare bene sul lavoro potresti intanto iniziare da una gestione attiva delle tue fonti di energia (Halbesleben, 2010). Queste possono essere tantissime, e ognuno ha le sue fonti. Infatti, secondo il ricercatore psicologo Halbesleben (2014):

Le fonti della tua energia sono tutte quelle cose che ti aiutano a raggiungere i tuoi obiettivi

In altre parole, tantissime cose possono essere fonte della tua energia, ed è una questione personale: quello che è fonte della tua energia non necessariamente lo è per gli altri, perché dipende da quali sono i tuoi obiettivi.

Una delle principali fonti di energia, che è anche universale, è …..il riposo 😊  , (insieme all’alimentazione equilibrata e il regolare movimento). Per prevenire la stanchezza al lavoro comincia col prenderti cura della qualità del tuo sonno e fai che la mattina tu ti senta riposato/a ! Non conta tanto la quantità delle ore del sonno, conta la qualità valutando quanto ti senti riposato la mattina. A volte dormire bene è difficile. Non dormi bene perché il tuo bimbo è malato, perché sei uscito con gli amici fino a tardi, perché il tuo compagno ti ha svegliato nel cuore della notte, perché sei stressato per le richieste dal lavoro o per delle preoccupazioni su altri argomenti, insomma per mille motivi.

Ti puoi rivolgere a uno psicologo che conosce bene il processo del sonno, perché ti può fare conoscere delle strategie per migliorare la qualità del tuo sonno e per migliorare l’igiene del sonno in generale. Si tratta spesso di strategie molto semplici- piccole accortezze che purtroppo per via della nostra vita frenetica ci siamo dimenticati…

Strategie SOC per le giornate di stanchezza al lavoro

Gli psicologi Venz, Pundt e Sonnentag (2018) hanno valutato cosa succede al tuo coinvolgimento sul lavoro quando utilizzi le strategie SOC (Baltes & Baltes, 1990). Si tratta di strategie comportamentali-cognitive che ti aiutano a rimanere focalizzato e a dedicare l’energia al momento giusto alla cosa giusta. Puoi usare queste strategie per qualsiasi compito o ruolo, sul lavoro ma anche per gestire la tua vita privata. Infatti, altri ricercatori in psicologia, Baltes e Heydens-Gahir (2003) e Young et al. (2007) hanno già dimostrato che l’uso regolare di queste strategie risulta in meno stress sia a casa che sul lavoro e quindi in un miglior equilibrio casa-lavoro. A breve scriverò un post su cosa sono le SOC in concreto. Intanto anticipo di cosa si tratta brevemente:

S   SELEZIONA gli obiettivi considerando le priorità e il livello della tua energia.

O   OTTIMIZZI il modo in cui fai qualcosa, usa la strategia vincente.

C   COMPENSA quando una risorsa scarseggia.

Strategie SOC soprattutto per gestire i giorni di stanchezza al lavoro

I risultati della ricerca (Venz, Pundt & Sonnentag, 2018) dicono che:

  • Ne benefici soprattutto se ha un lavoro che ti lascia molta autonomia (per esempio su come o quando fare le cose), quindi incluso i liberi professionisti-manager- imprenditori- freelance, e tanti altri
  • Ne benefici soprattutto nei giorni in cui senti la stanchezza al lavoro, ma ovviamente in generale nei giorni di stanchezza in generale
  • Ne benefici soprattutto nei giorni in cui non ti è molto chiaro quello dovresti fare/ quello che ci si aspetta da te.

Buona gestione della stanchezza al lavoro e buon coinvolgimento!

Bibliografia

Baltes, P. B., & Baltes, M. M. (1990). Psychological perspectives on successful aging: The model of selective optimization with compensation. In P. B. Baltes & M. M. Baltes (Eds.), Successful aging: Perspectives from the behavioral sciences (pp. 1–34). New York, NY: Cambridge University Press.

Baltes, B. B., & Heydens-Gahir, H. A. (2003). Reduction of work–family conflict through the use of selection, optimization, and compensation behaviors. Journal of Applied Psychology, 88(6), 1005–1018.

Schaufeli, W. B., Salanova, M., González‐Romá, V., & Bakker, A. B. (2002). The measurement of engagement and burnout: A two sample confirmatory factor analytic approach. Journal of Happiness Studies, 3, 71–92.

Venz, L., Pundt, A., & Sonnentag, S. (2018). What matters for work engagement? A diary study on resources and the benefits of selective optimization with compensation for state work engagement. Journal of Organizational Behavior, 39, 26–38.

Young, L. M., Baltes, B. B., & Pratt, A. K. (2007). Using selection, optimization, and compensation to reduce job/family stressors: Effective when it matters. Journal of Business and Psychology, 21, 511–539.


Informa gli altri

10 Comments

Leave a Reply

Ti è piaciuto questo articolo? 

iscriviti alla mailing list

* necessario