Cosa fare durante la micro pausa sul lavoro?

micro pausa sul lavoro
Informa gli altri

Cosa fare durante la micro pausa sul lavoro?

Perché fare ogni tanto una micro pausa?

In un precedente articolo avevo già suggerito di prendere qualche micro pausa sul lavoro, ma anche nella vita privata, perché secondo la ricerca in psicologia e neuroscienze la micro pausa 1) ci fa stare meglio e 2) ci permette di lavorare meglio (con il lavoro intendo ovviamente qualunque tipo di lavoro-incluso la gestione della casa). E’ infatti stato dimostrato che non bastano le vacanze o i weekend per rigenerare l’energia sufficiente per fare funzionare il nostro sistema di corpo-mente e cuore al meglio. Serve anche qualche micro pause durante l’arco della giornata.

Perché è importante scegliere con cura l’attività da fare nella micro pausa?

Un conto è sapere cosa si dovrebbe fare, un conto è farlo. Spesso questo accade quando manca un piano esatto di cosa fare nella situazione concreta. E così va a finire che proprio quando sei sommerso dal lavoro, non ti fermi mai. Così arrivi in fondo alla giornata con una sensazione di estrema fatica, o ti senti stressato, esausto, facilmente irritabile. E proprio quando torni a casa ti manca l’energia per goderti la tua vita privata.

Vediamo cosa suggerisce la ricerca scientifica su cosa fare durante la micro pausa.

Micro pausa sul lavoro: meglio attività di rilassamento e chiacchierate con gli amici

Recentemente i ricercatori Kim, Park & Niu (2017) hanno confrontato l’effetto di 4 tipologie di attività che le persone solitamente fanno quando prendono una micro pausa sul lavoro:

  1. Attività di rilassamento: cioè attività per rilassare corpo e/o mente, come per esempio lo stretching, una breve passeggiata, ascoltare la musica o lasciare vagare la mente.
  2. Fare una merenda: mangiare o bere qualcosa, alla macchinetta del caffé o alla propria scrivania.
  3. Vita sociale: chiacchierare di cose che non riguardano il lavoro con i colleghi, ma anche con amici/parenti magari per telefono, in chat, o sui social.
  4. Attività che richiedono uno sforzo mentale: leggere il giornale, navigare sul web, fare dei progetti personali (per esempio prepararsi per un viaggio o shopping online)

I risultati della ricerca dicono che chi fa attività di rilassamento corpo/mente, o coltiva la vita sociale (chiacchierata con gli amici o colleghi o qualche scambio di battute) durante la micro pausa, si sente a fine giornata lavorativa meno stanco, meno esausto, meno stressato, meno insoddisfatto, meno irritato.  Al contrario, quelli che durante le micro pause fanno un’attività che richiede uno sforzo mentale (per esempio leggere email, navigare sul web ecc.) si sente a fine giornata lavorativa più stanco.

Ancora più importante è che queste due attività – il rilassamento corpo/mente e le attività sociali – permettono di farti stare meglio proprio in quelle giornate in cui ti senti di essere sommerso dal lavoro. Nota che le micro pause sul lavoro della ricerca fatta erano auto-gestite, cioè fatte nel momento in cui uno ne sentiva il bisogno.

Cosa significa per te?

1) Piu’ hai da fare, piu’ importante e’ prendere delle micro pause. Ricordati che il nostro ciclo fisiologico di attenzione sostenuta è mediamente 45 minuti-e per rinnovare l’energia possono bastare 5-10 minuti.

ll momento giusto per rilassarsi è quando non hai tempo per farlo
(Sydney J. Harris)

2) Pianifica i tempi di lavoro e delle pause, soprattutto nelle giornate o nei periodi di fuoco. Che sia al lavoro che a casa (perché anche a casa spesso devi fare tre mila cose).

3) Durante la micro pausa sul lavoro o a casa cerca di fare:

  1. attività di rilassamento del corpo e/o della mente. Esistono delle meravigliose e potenti tecniche di rilassamento. Anche brevi esercizi di mindfulness sono rigeneranti (entrambe si possono imparare ed esistono tecniche adatte all’ambiente di lavoroFilbalance organizza dei workshop).
  2. coltiva la tua vita sociale con le persone che ti fanno stare bene. Scegliele con cura altrimenti la chiacchierata può avere l’effetto inverso.

 

……buona rigenerazione!

Bibliografia

Kim, S., Park, Y., and Niu, Q. (2017) Micro-break activities at work to recover from daily work demands. Journal of Organizational Behavior, 38: 28–44. doi: 10.1002/job.2109.

 


Informa gli altri

2 Comments

Leave a Reply

Ti è piaciuto questo articolo? 

iscriviti alla mailing list

* necessario