#Conciliamo, nuovo bando welfare per aziende piccole

#conciliamo
Informa gli altri

#Conciliamo, nuovo bando welfare per aziende piccole

#Conciliamo, è il nuovo bando emesso dal Dipartimento per le Politiche della Famiglia della Presidenza del Consiglio dei Ministri che mette a disposizione delle imprese italiane fondi per 74 milioni di euro per il finanziamento di progetti di welfare aziendale per la conciliazione tra lavoro e vita familiare dei lavoratori.
Finalità dell’avviso è favorire la realizzazione di interventi nell’ambiente di lavoro, per promuovere un welfare su misura e incentivare lo sviluppo di progetti capaci di risolvere problemi e priorità comuni e ad impattare positivamente sulla qualità della vita dei lavoratori e delle lavoratrici e quindi sulla produttività delle imprese.

#Conciliamo -Requisiti dei progetti 

Le proposte devono fare riferimento a uno o più dei sei obiettivi del bando #Conciliamo:

  1. crescita della natalità;
  2. riequilibrio tra i carichi di cura tra uomini e donne;
  3. incremento dell’occupazione femminile;
  4. contrasto dell’abbandono degli anziani;
  5. supporto della famiglia in presenza di componenti disabili;
  6. tutela della salute.

#Conciliamo caratteristiche tecniche

I progetti dovranno essere presentati dalle imprese interessate entro il 18/12/2019 con descrizione
articolata delle attività previste e budget dettagliato di spesa. Ciascun progetto costituisce un intervento
mirato sulla realtà aziendale beneficiaria e sul target dei propri dipendenti. La proposta deve essere
studiata e definita caso per caso con una progettazione personalizzata che richiede una consulenza one-to-
one. Per consultare il bando clicka qui per il link sul sito del Dipartimento per le Politiche della Famiglia.

#Contributi e budget di progetto

I progetti saranno finanziati fino a esaurimento fondi sulla base della graduatoria di merito stilata dalla
commissione di valutazione che assegnerà un punteggio da 0 a 100 a ciascuna proposta inviata entro i
termini del bando.  Ogni progetto deve essere calibrato sulla dimensione dell’impresa beneficiaria secondo le fasce seguenti:
Fascia; Dimensioni impresa: Contributo; Quota di finanziamento
Microimprese; <10 dipendenti: Da 15.000 a 50.000 euro; 90%
Piccole imprese; <50 dipendenti: Da 30.000 a 100.000 euro; 85%
Medie imprese; 50-250 dipendenti: Da 100.000 a 300.000 euro; 80%
Grandi imprese;250 dipendenti: Da 250.000 a 1.500.000 euro;  70%
I contributi saranno concessi a fondo perduto nella quota prevista per ciascuna fascia, sulla base del
rendiconto a costi reali delle spese sostenute per la realizzazione del progetto. Ad esempio, su un progetto
da 200.000 euro di una media impresa viene concesso un contributo all’80%, quindi l’impresa rendiconta
200.000 euro di spese e riceve 160.000 euro dal Dipartimento della Famiglia. Il cofinanziamento a carico
dell’impresa – nell’esempio, i restanti 40.000 euro – può essere costituito da proprie risorse umane messe a
disposizione del progetto e valorizzate tramite buste paga.

#Conciliamo consulenze personalizzate

ci potete contattare tramite email : kristel@filbalance.com


Informa gli altri

Leave a Reply